Dettaglio

“Il referendum su via Roma non mi spaventa, ma costa”

“Il referendum non mi fa paura, ma costerebbe 50 mila euro e, sia chiaro, non chiuderemo mai tutta via Roma”. Così Sordella, sindaco di Fossano, ha risposto l’altra sera in Consiglio comunale all’interpellanza di Anna Mantini, capogruppo della Lega. Nei giorni scorsi, i rappresentanti leghisti avevano avviato una raccolta firme (500 le adesioni già raccolte secondo gli organizzatori) con l’obiettivo di indurre il Comune a organizzare una consultazione per chiedere ai fossanesi se siano favorevoli o contrari alla pedonalizzazione di via Roma. “Così si fa disinformazione – ha detto Sordella -. Il piano di riqualificazione per il quale si penderanno 500 mila euro è relativo all’asse tra via Cavour e piazzetta delle Uova e prevede un’isola pedonale lungo un minimo tratto di via Roma, circa 100 metri tra via Mazzini e via Falletti” “Da sei mesi ci confrontiamo con cittadini e commercianti – ha ricordato l’assessore alla Viabilità Michele Mignacca -, per un intervento che migliori la circolazione e renda il centro storico più fruibile”.
“Commercianti in crisi”
Parole che non hanno convinto Mantini: “Via Roma è un’arteria e chiuderla in parte o tutta, che avevate detto fosse l’obiettivo finale, porterebbe alla morte del centro di Fossano: non potete chiedere ai negozianti, già provati dalla crisi, di sobbarcarsi i costi di questa sperimentazione”.
………..
Da La Stampa 30 aprile 2016